Libera Rete in libero Stato

Desidero dare risalto ad un articolo di Guido Scorza, una persona da me stimata e di grande cultura. Si parla di liberta’ in rete e liberta’ di pensiero, temi molto discussi in questi ultimi giorni dopo l’aggressione al premier Silvio Berlusconi, temi che mi stanno molto a cuore.

In questo articolo si invita a partecipare ad una manifestazione in piazza del Popolo a Roma, riporto il manifesto e il link alla pagina di Guido Scorza.

23 dicembre 2009 alle 17.30 a Piazza del Popolo

per dar vita ad un sit-in pacifico nel corso del quale lanciare un messaggio tanto semplice quanto fondamentale per il futuro di Internet in Italia e del nostro Paese:

LIBERA RETE IN LIBERO STATO.

Il manifesto che riassume le idee ed i principi ispiratori della manifestazione è questo:

Internet è una piazza libera. Una sterminata piazza in cui milioni di persone si parlano, si confrontano e crescono. Internet è la libertà: luogo aperto del futuro, della comunicazione orizzontale, della biodiversità culturale e dell’innovazione economica.

Noi non accettiamo che gli spazi di pluralismo e di libertà in Italia siano ristretti anziché allargati.

Non lo accettiamo perché crediamo che in una società libera l’apertura agli altri e alle opinioni di tutti sia un valore assoluto.

Non lo accettiamo perché siamo disposti a pagare per questo valore assoluto anche il prezzo delle opinioni più ripugnanti.

Non lo accettiamo perché un Paese governato da un tycoon della televisione ha più bisogno degli altri del contrappeso di una Rete libera e forte.

Non lo accettiamo perché Internet è un diritto umano.

Libera Rete in libero Stato.

«Sono sempre stato uno strenuo sostenitore di Internet e dell¹assoluta mancanza di censura». (Barack Obama, discorso agli universitari cinesi, Shanghai, 16 novembre 2009)

Non e’ Natale senza neve!

Ghiaccio e neve

Anche se piu’ di neve in questo caso si deve parlare di ghiaccio. Ben -14 °C nella notte e -8 °C di giorno rendono le strade e i marciapiedi pericolosi per le auto i pedoni.

In ogni caso a casa si sta bene :-), ci rimango volentieri anche perche’ devo curare un raffreddore che mi perseguita da quasi una settimana.

Lunedi’ si ricomincia a lavorare (notte) e mi sa che il casco l’appendo al chiodo, non tanto per il freddo ma per le strade non proprio rassicuranti.

Si comincia…

Nella mia vita si prospetta un profondo e radicale cambiamento, la nascita di Elisa, questo lieto evento mi ha spinto ad aprire questo diario “pubblico” e tenere traccia degli eventi piu’ o meno importanti di cui sono protagonista.

Non so ancora se riusciro’ a mettere in pratica tutti i buoni propositi che ho in mente su questo Blog, di certo le prime ore trascorse ad installare e configurare il software sono volate piacevolmente e senza nessun rimpianto.

Colgo l’occasione per salutare tutti quanti hanno perso qualche minuto a leggere queste due righe.

CIAO!